Pagina Precedente

 

 

Letture

VEDOVELLI M. Guida all'italiano degli stranieri. La prospettiva del Quadro Europeo per le lingue, Carocci, 2003
E' il primo libro italiano di commento sulla prospettiva linguistica e glottodidattica proposta dal Quadro Comune Europeo di riferimento per le lingue, del Consiglio d'Europa.
Si sofferma sul modello in sei livelli della competenza linguistico-comunicativa e sul ruolo della testualità nella programmazione dell'intervento di educazione linguistica.

VEDOVELLI M. (a cura di) Manuale della certificazione, Carocci, 2005. Frutto dei lavori del Centro CILS - Certificazione di Italiano come Lingua Straniera dell'Università per Stranieri di Siena, è il primo vero e proprio manuale che affronta le tematiche della valutazione certificatoria della competenza linguistica.
Sono oggetto di analisi i concetti generali della valutazione delle competenze, le procedure di selezione dei materiali e di costruzione delle prove, le procedure di misurazione e valutazione della competenza linguistico-comunicativa. Contiene un'importante riflessione sulle implicazioni etiche, civili e politiche della valutazione linguistica.

Pazit Barki, Sandra Gorelli, Sabrina Machetti, Maria Pia Sergiacomo, Beatrice Strambi Valutare e certificare l'italiano di stranieri. I livelli iniziali, Guerra, 2002.
Il volume raccoglie una serie di contributi sul problema della programmazipne e valutazione dei primi passi del prpcesso di apprendimento dell'italiano da parte di stranieri con particolare riferimento ai bambini e adulti di origine immigrata presenti nella scuola italiana.

VEDOVELLI M. L'italiano degli stranieri. Storia.attualità e prospettive. Prefaz. di Tullio De Mauro,Carocci,2003
La situazione dell'italiano diffuso tra gli stranieri è molto complessa ma ricca di potenzialità. L'italiano non è fra le lingue più diffuse nel mondo quanto a parlanti nativi,ma lo è per numero di corsi di lingua per stranieri.
Vedovelli descrive le principali linee storiche della lingua italiana diffusa fra gli stranieri.Le radici dell'attuale condizione dell'italiano come lingua straniera sono ricercate nel passato,con una ricostruzione di momenti dell'insegnamento dell'italiano a stranieri.

BARNI M.- A.VILLARINI La questione della lingua per gli immigrati stranieri. Insegnare,valutare e certificare l'italiano L/2. Angeli ,2001
La ricerca presenta un rendiconto di un'esperienza che hs coinvolto il Comune di Roma per la diffusione della CILS - Certificazione di italiano come Lingua Straniera in area romana quale strumento capace di rispondere ai bisogni di sviluppo linguistico e di integrazione sociale degli immigrati.Si offre inoltre il punto sugli studi sull'apprendimento dell' italiano da parte di immigrati.

GENNAI G.- Lessico interculturale, Emi ed. 2005
L'interessante ed attualissimo lavoro di un'esperta del settore interculturale si colloca come efficace supporto all'azione formativa dei docenti in classi multilingui. Parole come assimilazione, bilinguismo, creolizzazione, sincretismo vengono approfondite e collocate in quel " lessico interculturale " che ogni docente impegnato nella cultura dell' integrazione e della convivenza democratica deve conoscere.
L'autrice di ogni vocabolo offre non solo il significato ma anche ,quasi sempre, un contesto semantico più ampio che fa da raccordo o con la riflessione teorica o con il riferimento normativo o con la prassi politica ad esso relativa. E' uno strumento prezioso ed efficace per tutt i docenti e segnatamente per coloro che svolgono la funzione di referenti per l' intercultura e l' integrazione scolastica degli alunni stranieri.

Lessico interculturale
Gennai Giuliana

Dettagli del libro
Titolo: Lessico interculturale
Autore: Gennai Giuliana
Editore: EMI
Data di Pubblicazione: 2005
Collana: Interculturarsi
ISBN: 8830714380
Pagine: 160

 


GRASSI R. e a. L'italiano per lo studio nella scuola plurilingue: tra semplificazione e facilitazione. Atti convegno sull' italiano per lo studio. Bergamo 17-19 giugno 2002, Guerra, 2003
Il recente fenomeno dell'immigrazione in Italia ha portato con sé mutamenti considerevoli nella nostra società, in particolare nel mondo dell'istruzione. L'aumento delle presenze degli alunni stranieri nelle classi e il conseguente nuovo plurilinguismo rende urgente la formazione e il costante aggiornamento del personale docente che vi opera.Le tematiche affrontate riguardano la complessità dei manuali di studio,la didattica della comprensione scritta ai fini dello studio ,la lingua orale in classi plurilingui.

PUGLIESE R. e a. PARLO ITALIANO - Insegnare e apprendere l'italiano L/2 nella scuola dell' obbligo. Didattica 1. Centro di Documentazione della Città di Arezzo,2001.
Interessanti proposte vengono formulate per l' insegnamento della lingua italiana L/2 agli alunni di origine straniera,con la presenza dei referenti di settore. Le proposte didattiche individuano soluzioni organizzative che favoriscono l'integrazione linguistica degli alunni stranieri.

MAGI R.-LUATTI L.- Passepartout. Lo scaffale multiculturale per aprire i saperi del mondo. Didattica 2. Centro di documentazione della Città di Arezzo, 2002
Il volume è il risultato dell'esperienza di un corso di formazione /aggiornamento promosso dal Centro per gli insegnanti della scuola dell'obbligo e per promuovere nella scuola l'uso dello scaffale multiculturale. I testi proposti intendono valorizzare le culture " diverse " presenti nella scuola e nel territorio e contribuire alla crescita di una coscienza interculturale.

FAVARO G. - LUATTI L. Accogliere chi,accogliere come. Vademecum per gli insegnanti della scuola dell'obbligo. Didattica 3. Centro di documentazione della Città di Arezzo,2003
Gli argomenti sviluppati riguardano : come accogliere nella scuola di tutti i bambini stranieri; come insegnare italiano a bambini e ai ragazzi dell' immigrazione, come costruire momenti di scambio tra le culture facendo dell'approccio interculturale la proposta pedagogica per tutti.
Il Vademecum cerca di dare le prime risposte alle domande e ai bisogni della scuola,proponendo alcune indicazioni di lavoro .Vengono forniti numerosi riferimenti bibliografici.